Nessuna pietà per il piccolo Tim. Hocquenghem, Edelman e la questione del futuro

Autori

  • Lorenzo Bernini Università degli Studi di Verona?

DOI:

https://doi.org/10.15167/2279-5057/ag.2013.2.3.43

Abstract

According to Teresa De Lauretis (2010, 87) it is «a manifesto for the twenty-first century», according to Leo Bersani (2008, 45) it is «the classic textbook of the horror of heterosexual breeding». In the last decade Lee Edelman’s essay No Future. Queer Theory and the Death Drive (2004) provoked an intense debate among U.S. lesbian, gay and trans intellectuals. Since the author persistently refers to Guy Hocquenghem, this article offers a comparison between the two in order to make both a critique and a praise of Edelman’s book. For many, No Future represents the end of Queer theories: my claim is that it provides us with a chance to reopen the hope for an “after the end”.

Keywords: queer politics and psychoanalysis, childhood, death drive

Biografia autore

Lorenzo Bernini, Università degli Studi di Verona?

Lorenzo Bernini è ricercatore in Filosofia politica presso l’Università degli Studi di Verona. I suoi interessi spaziano dal pensiero classico alla filosofia della decostruzione, al femminismo, alle teorie queer. Con Olivia Guaraldo ha curato Differenza e relazione. L’ontologia dell’umano nel pensiero di Judith Butler e Adriana Cavarero (Verona 2009). Tra le sue pubblicazioni: Le pecore e il pastore. Critica, politica, etica nel pensiero di Michel Foucault (Napoli 2008); Maschio e femmina Dio li creò!? Una critica transmodernista al binarismo sessuale (Milano 2011); La sovranità scomposta. Sull’attualità del Leviatano (con Mauro Farnesi Camellone e Nicola Marcucci, Milano 2011).

##submission.downloads##

Pubblicato

2013-01-26