AG About Gender - Rivista internazionale di studi di genere

AG About Gender, Rivista internazionale di studi di genere si pone l’obiettivo di rappresentare un riferimento concreto per studios*, accademic* e non, impegnat* in percorsi di ricerca e riflessione sul genere, con una vocazione interdisciplinare, in grado di valorizzare il dialogo fra approcci interpretativi e prospettive analitiche differenti.


AG About Gender accoglie contributi su qualsiasi argomento e provenienti da qualunque disciplina purché essi presentino una consapevole e articolata prospettiva di genere nell’analisi sia teorica che empirica. Elemento dirimente nella valutazione degli articoli ricevuti, infatti, è la capacità di utilizzare la categoria di genere come chiave interpretativa per analizzare i fenomeni sociali, storici e culturali. 

AG è una rivista internazionale peer-reviewed con uscita semestrale che intende stimolare il dibattito e favorire la diffusione internazionale dei contributi pubblicati; pubblica articoli originali sia di taglio teorico che empirico, in inglese, italiano e spagnolo (per un approfondimento si vedano le Politiche delle sezioni). L’accesso ai contenuti è libero, ma soggetto a registrazione obbligatoria. La registrazione ha l’obiettivo di monitorare gli accessi e di fornire informazioni alle/agli utenti iscritti.

AG About Gender, Rivista internazionale di studi di genere è riconosciuta da ANVUR ai fini dell'Abilitazione Scientifica Nazionale per le Aree 11, 12 e 14.

AG About Gender è collocata da ANVUR in fascia "A" per l'area scientifico-disciplinare 14 C2 (Sociologia dei processi culturali e comunicativi).

AG About Gender, Rivista internazionale di studi di genere utilizza i criteri del processo di referaggio indicati dal Coordinamento delle Riviste Italiane di Sociologia (CRIS)

AG About Gender è partner di Sociologists for Women in Society.

Comitato scientifico e redazione: [leggi]

Si vedano a questa pagina le istruzioni per le submission: Linee guida per l'autor*.

 

***


CALL FOR ARTICLES


(Un)doing gender and migration stereotypes. Per un'analisi critica degli stereotipi nel rapporto tra genere e migrazioni

 

A cura di: Maria Giulia Bernardini (Università di Ferrara), Encarnacion La Spina (Università di Deusto), Dolores Morondo (Università di Deusto), Paola Parolari (Università di Brescia)

 

A partire dagli anni ’70, un numero crescente di studi teorici ed empirici ha contribuito a far emergere, dalla prospettiva di diverse discipline, il rapporto di influenza reciproca che intercorre tra genere e migrazioni: il genere struttura le scelte e le esperienze migratorie così come queste ultime influenzano le trasformazioni delle identità e delle relazioni di genere.

La ricchezza di contributi che questi studi hanno prodotto consente di mettere in evidenza un elemento costante, seppure non sempre esplicitamente tematizzato: quello del ruolo che possono avere gli stereotipi nel condizionare le reciproche interazioni tra i processi di costruzione del genere (doing gender) e delle migrazioni (doing migration), concorrendo così a plasmare, rafforzare e perpetuare le relazioni di potere che strutturano questi processi.

Questa call si propone di interrogare gli stereotipi (sia quelli di genere sia quelli relativi ai fenomeni migratori) per portare alla luce la complessità delle relazioni di potere sottostanti alle interazioni tra genere e migrazioni.

Si invitano, in particolare, contributi che offrano un’analisi critica:

-     del modo in cui gli stereotipi prendono forma, si trasformano e/o scompaiono nel discorso su genere e migrazioni, naturalizzando e legittimando le narrative dominanti e le corrispondenti relazioni di potere;

-       del modo in cui operano gli stereotipi nella pratica:

-     delle relazioni sociali (condizionando, ad esempio, i percorsi di inserimento nel mercato del lavoro, di integrazione sociale, ecc.);

-     delle forme di produzione culturale, quali letteratura, media, cinema e piattaforme di contenuti digitali, ecc. (ad esempio, banalizzando, naturalizzando e neutralizzando le rappresentazioni di genere e migrazione);

-     dell’agire istituzionale (influenzando, ad esempio, i processi legislativi e di policy making, le prassi amministrative e gli orientamenti giurisprudenziali).

-      del modo in cui gli stereotipi contribuiscono a creare/perpetuare le disuguaglianze di genere che plasmano l’esperienza della migrazione di soggetti differenti e, in particolare, di coloro che sono maggiormente discriminati, con una specifica attenzione a possibili forme di discriminazione intersezionale come fonti di vulnerabilità patogene

-       delle possibili strategie di contrasto agli stereotipi “vulnerabilizzanti”

 

Gli articoli dovranno essere redatti in una delle tre lingue – italiano, inglese o spagnolo – in cui viene pubblicata la rivista ed essere inviati entro il 30 aprile 2021.

Leggi il testo completo della call: (Un)doing gender and migration stereotypes

 

Per le modalità di invio delle proposte si vedano le Linee Guida per l'autor*.

Per ulteriori informazioni scrivere a: redazione.aboutgender@gmail.com.


***


Fare maschilità online: definire e studiare la manosphere.


A cura di: Raffaella Ferrero Camoletto (University of Turin, Italy), Maddalena Cannito (University of Turin, Italy), Eugenia Mercuri (University of Turin, Italy), Valeria Quaglia (University of Milan Bicocca), Isabel Crowhurst (University of Essex, Uk)

Nel corso dell’ultimo decennio si è assistito all’espansione della cosiddetta manosphere, una rete virtuale informale composta da comunità online, forum, siti web e blog frequentati principalmente da uomini eterosessuali che condividono l’interesse a discutere di questioni riguardanti le relazioni di genere e, più in particolare, sui significati associati alla maschilità.

Questa Special Issue mira ad affrontare criticamente i processi di costruzione e riproduzione della manosphere, mettendo in discussione la sua stessa definizione e i suoi stessi confini, come parte del modo contemporaneo di fare maschilità online.

La Call è aperta a contributi teorici ed empirici che affrontino i seguenti aspetti:

1)  Come definire da un punto di vista teorico i contenuti e i confini della manosphere?

2) Quali configurazioni di pratiche di genere possono essere incluse empiricamente nella manosphere per esplorare le complesse interconnessioni fra online/offline, globale/locale, intergenere/intragenere e processi intersezionali, pratiche discorsive e pratiche di maschilità?

3) Quali tecniche e approcci metodologici possono essere proficui e possono essere usati nell’esplorazione della manosphere? Quanto potenziale c’è per l’interdisciplinarietà e per l’innovazione metodologica?

4)   Come si può elaborare un approccio esauriente alla manosphere che vada al di là della letteratura limitata all’America del Nord e che includa ricerche teoriche ed empiriche provenienti e focalizzate su altri contesti?

5) Come si legano contesti/pratiche online e offline di fare/costruire maschilità (ad esempio attraverso l’uso di uno specifico gergo/linguaggio, la partecipazione ad attivismo politico, ecc.) e com’è possibile esplorare queste interconnessioni?

Gli articoli dovranno essere redatti in una delle tre lingue – italiano, inglese o spagnolo – in cui viene pubblicata la rivista ed essere inviati entro il 31 Dicembre 2020.

Leggi il testo completo della call: Fare maschilità online: definire e studiare la manosphere.

Per le modalità di invio delle proposte si vedano le Linee Guida per l'autor*.
Per ulteriori informazioni scrivere a: redazione.aboutgender@gmail.com.

 


 


V. 9, N. 18 (2020): Re-genderizzare o de-genderizzare la disabilità? Vivere con la disabilità nelle società contemporanee

Sommario

Editoriale

Re-genderizzare o de-genderizzare la disabilità? Vivere con la disabilità nelle società contemporanee
Rita Bencivenga, Darja Zaviršek

Articoli tematici

Claire Fleet, Ian Clara
Ester Micalizzi
Chiara Montalti
Costanza Agnella
PDF
Raffaella Ferrero Camoletto, Valentina Ferritti
PDF
Alessandra Maria Straniero
PDF
Chiara Paglialonga
PDF
Soledad Arnau Ripollés

Appendici

Cinzia Leone

Sezione aperta

Michela Mariotto
PDF

Incursioni

Modelli di soggettività, pratiche politiche ed empatia per riconoscere la pervasività del dominio. Un punto di vista maschile sulla polarizzazione polemica sulla legge Zan
Stefano Ciccone
PDF

Recensioni

Rudan, P. (2020), Donna. Storia e critica di un concetto polemico, Bologna, il Mulino, pp. 181
Silvia Rodeschini
PDF
Schettini, L. (2019), Turpi traffici. Prostituzione e migrazioni globali (1890-1940), Roma, Biblink, pp. 231
Annalisa Cegna
PDF
Ottaviano, C., Persico, G. (2020), Maschilità e cura educativa. Contronarrazioni per un (altro) mondo possibile, Genova, Genova University Press, pp. 155
Maddalena Cannito
PDF
Balocchi, M. (a cura di) (2019), Intersex. Antologia multidisciplinare, Pisa, Edizioni ETS, pp. 266
Giuseppe Burgio
PDF
Prearo, M. (2015), La fabbrica dell’orgoglio. Una genealogia dei movimenti LGBT, Pisa, Edizioni ETS, pp. 156
Francesco Barilà Ciocca
PDF
Oddone, C. (2020), Uomini normali. Maschilità e violenza nell'intimità, Torino, Rosenberg & Sellier, pp. 210
Sveva Magaraggia
PDF